miglior reputazione,Tamiya Version Montaggio di Scatola Yellow LaFerrari 4f592krnb7790,contatore genuino-Nuovo giocattolo

TRAXXAS SET LUCI FORD BRONCO trx-4 senza Power-Supply/trx8036TRAXXAS STERZI elettrici, Centro E-REVO (acciaio) velocità costante-FR&rr - Z-TRX5650R

THAI Airways Airbus a350-900 1:200 skymarks modello skr911 NUOVO a350 HS-THBTippy di Orso It All / Tami Eveslage per Cooperstown Artista Orso Collezione

Traxxas TRA3045R Electronic Speed Control, LaTrax, Waterproof (Assembled)TRAXXAS trx6831 Chad Hord carrozzeria F. Slash 1-10

Treno Elettrico 006307 Auto Poste Ferrovia, 3-b/12,5 Deutsche Dbp Ep2c/3a #

miglior reputazione,Tamiya Version Montaggio di Scatola Yellow LaFerrari 4f592krnb7790,contatore genuino-Nuovo giocattolo

Tamiya LaFerrari Yellow Version Scatola di Montaggio

Perse le elezioni, ora comincia il rito consolatorio dell' analisi del voto, seduti intorno al salotto di Vespa, a beneficio del grande pubblico, i leader politici ci raccontano le ragioni più profonde che giustificano,  a posteriori il risultato elettorale. Sui giornali si scomodano le grandi firme, che ricordano quanto detto prima delle elezioni, avendo spiegato che cosa bisognava fare per vincere, ma ovviamente, nessuno le ha ascoltate. Ai militanti del partito, il rito prevede una dose aggiuntiva di consolo perché sono quelli che hanno sofferto di più e perché c'é bisogno di motivarli per la prossima competizione, altrimenti si chiude bottega. Il tema comune del rito è spiegare come e perché siamo arrivati a quel risultato negativo, ma anche quello di evitare che qualcuno possa individuare delle responsabilità interne al partito che imporrebbero un necessario cambiamento per invertire rotta e siccome il necessario cambiamento urge, pena la scomparsa di Forza Italia, é bene abbandonare lo spirito consolatorio e raccontarci che cosa non ha funzionato per davvero.

Il modo più efficace per non cambiare nulla è trovare all' esterno le ragioni della sconfitta: "Abbiamo perso le elezioni perché Berlusconi era impedito dalle restrizioni imposte dalla magistratura e quindi non ha potuto esprimersi al meglio"

Non è vero, o meglio, non è questo il motivo principale per cui abbiamo perso. Nonostante le restrizioni, Berlusconi è stato presente nelle televisioni e ha avuto modo di esporre i suoi programmi e far valere le sue ragioni e anche in condizioni di libertà assoluta, francamente non avrebbe potuto fare di più.Thicon di distribuzione ingranaggi 2:1 ALTA IN ALLUMINIO NERO - 50053Tony Stewart #20 Home Depot Indy Win 2007 Monte Carlo SS Action 1:24 scale car

RENZI HA STRAVINTO PER MANCANZA DI OFFERTA POLITICA E PER DIFETTO DI RAPPRESENTANZA DA PARTE DEGLI AVVERSARI.

Forza Italia 2.0 è il nuovo contenitore politico, ma il contenuto non è stato ancora definito. Certo, il riferimento ai valori del '94 sono un attraente prerequisito per definire una piattaforma programmatica coinvolgente, ma a tutt' oggi si sta ancora discutendo del contenitore e delle sue regole: quali sono le funzioni dei club, il rapporto degli stessi con il partito, la rappresentanza nel partito e non vi è ancora alcuna certezza su come i club e il partito verranno organizzati e finanziati.

In queste condizioni, l' unica opzione possibile per scegliere i candidati alle europee era la sostanziale riconferma della precedente classe dirigente, seguita dall' indicazione dei preferiti da sostenere. E mentre Renzi rinnovava tutta la squadra dei candidati, puntando molto sulla parità di genere e su un' accurata selezione di candidati che esprimessero in sé il desiderio di rinnovamento, Forza Italia ha affidato le sue speranze alla eloquenza di Gasparri, alla generosità di Iva Zanicchi e alla timidezza di Licia Ronzulli, così timida, quest' ultima, che evitava puntualmente le presenze televisive e quella volta che non è riuscita ad evitarne una e la Gruber, magnanima, le chiese di indicare almeno una delle cose fatte dal Governo Berlusconi, la sua timidezza le ha impedito di rispondere alla semplice domanda che le era stata posta. Colpiti da cotanta eloquenza e preparazione, i giovani rottamatori di casa nostra hanno fatto quadrato intorno a lei, creando un apparato a sostegno della sua candidatura con la speranza, forse, di guadagnare un biglietto per Strasburgo, fregandosene del merito e di tutto il resto. In campagna elettorale si sono visti solo manifesti con le immagini dei candidati, non si è visto un solo manifesto che spiegasse per quale motivo fosse utile votare Forza Italia.

I gazebo fatti dagli attivisti sul territorio si sono trasformati in una galleria fotografica di volti di candidati  sorridenti ai quali veniva associato, al più, uno slogan uguale per tutti.

LO SCONTRO RENZI – GRILLO

Il risultato straordinario di Renzi, non è nato, però, dalla inconsistenza di molti dei nostri candidati, ma dalla polarizzazione della campagna elettorale. Lo scontro duro è stato tra Renzi e Grillo. Il primo, sempre più rassicurante e positivo, il secondo sempre più aggressivo e minaccioso. Il primo, dialogante nei confronti dell' Europa, ma moderatamente critico nei confronti della classe dirigente europea, guidata dal Partito popolare, il secondo capace solo di ipotizzare uno scenario apocalittico che ha dipinto nella mente dei moderati e delle persone che ancora hanno qualcosa da perdere, un salto nel buio che si sono visti costretti ad afferrare senza indugio, l' unica corda sicura disponibile e cioè quella di Renzi. Dare il voto a Berlusconi, sarebbe stato inutile perché non sarebbe stato in grado di arginare Grillo che aveva puntato tutto sul sorpasso di Renzi.

BERLUSCONI MESSO FUORI GIOCO

In questo scenario, la cosa più importante per gli Italiani era mettere al sicuro il Paese; votare Forza Italia non sarebbe servito a nulla: bisognava far quadrato intorno al PD per evitare il sorpasso di Grillo. Sorpasso diventato uno spauracchio anche per Berlusconi che, tra attestati di simpatia nei confronti di Renzi e anatemi contro Grillo, paragonato persino ad Hitler, ha, di fatto, tirato la volata al primo, facendogli conquistare una vagonata di consensi nell' ultima settimana di campagna elettorale. A Milano 2, in un luogo dove è presente una delle più alte concentrazioni della media e alta borghesia lombarda, Renzi ha conquistato il 50% dei consensi, a testimonianza che la paura che tutto andasse a rotoli con Grillo è stato un fattore determinante. Ma qualcuno può obiettare che lo stesso non è accaduto alla Lega che pure ha visto raddoppiare i suoi consensi. E' vero, la proposta di Salvini era dirompente, soprattutto se si pensa che il passaggio alla Lira avrebbe creato un danno ai possessori di titoli di credito, ma è anche vero che la Lega ormai è vista dell' elettore come un cane che abbaia, ma che non morde, uno che fa la rivoluzione con delle ruspe trasformate in carri armati fa del folclore, non fa paura, e poi, occorre dirlo con franchezza, la Lega intercetta il voto di un elettorato popolare che non ha dimestichezza con le leggi dell' economia e della finanza.Traccia h0 Märklin 2857 Württemberger paesi Bahn-TRENO MERCI OVP (1233b)TRAXXAS carrozzeria Bigfoot ROSSA BIANCA BLU trx3676 Bigfoot,

L' INCONSISTENZA DEL NUOVO CENTRO DESTRA

La disfatta del Nuovo centro destra, accentuata, in Lombardia roccaforte di CL, dal mancato superamento della quota di sbarramento, sono la dimostrazione che i voti di preferenza non fanno i voti del partito e l' illusione della classe dirigente dell' NCD, che si sentiva forte di una presenza significativa nelle istituzioni e nei centri di potere, di ottenere dei risultati pari se non superiori a Forza Italia, si è rivelata tale in questo passaggio elettorale. L' analisi consolatoria del NCD è a dir poco patetica: "Il risultato negativo è dovuto al fatto che siamo un partito giovane e non abbiamo avuto il tempo di radicarci sul territorio." E' bello vedere Alfano e compagni che si prendono in giro da soli, ma le ragioni vere della sconfitta sono evidenti a tutti. Il NCD non aveva nessuna attrattiva per l' elettore italiano. Primo, per la classe dirigente che ha messo in campo: Cicchitto, Schifani, Casini, Cesa rappresentano l' armamentario della vecchia politica che reca solo disgusto agli occhi dell' elettore. Secondo, perché per gli elettori del centro destra, rappresentano coloro che hanno consentito a Renzi di fare avanzare in modo smisurato la sinistra. Terzo, perché la loro proposta politica si è sostanzialmente incarnata nella linea di asservimento all' Europa che ha assicurato anche a Monti la scomparsa dalla scena politica nazionale. Quarto, perché i voti degli ex socialisti sono passati al PD di Renzi, lasciando all' NCD i voti di Casini e di CL.    A cosa sono serviti i 9000 club del NCD, vantati in Lombardia dal Coordinatore regionale Colucci, i 9 consiglieri regionali e i numerosi assessori, consiglieri e non pochi dirigenti della pubblica amministrazione? Hanno trasformato parte dei voti di preferenza in voti di partito, nulla di più. Sarà utile a tutti questi uomini di apparato, capire per tempo chi garantirà loro la rielezione alle prossime elezioni! Quando c' erano i vecchi partiti, di fronte a sconfitte del genere, i segretari, non aspettavano nemmeno la conclusione dello spoglio che già avevano rassegnato le dimissioni, ma questi sono altri tempi e non c'è spazio per la responsabilità.

LA TRAPPOLA DI RENZI A BERLUSCONI.

La trappola che Renzi ha teso a Berlusconi è stata quella di portarlo sul terreno della politica nazionale , sia per avere una legittimazione da parte degli elettori, sia per evitare il confronto sulle tematiche europee, dove Berlusconi aveva molto da dire e da vantare. Nemmeno le rivelazioni fatte dal ministro americano hanno creato problemi alla marcia di Renzi: ormai quelle sono cose che riguardano il passato, noi pensiamo al futuro ebbe a dire la giovane Ministra degli Esteri del PD. Anche la guerra su chi prometteva di più è andata a favore di Renzi perché i suoi 80 euro erano un gesto piccolo ma concreto.

FI ha perso voti proprio per questo: la distanza che si è creata in questi anni con il suo elettorato di riferimento è dovuta proprio al fatto che l' idea di uno Stato snello, capace di ridurre al minimo la spesa pubblica per consentire il recupero di risorse per favorire la libera impresa e sgravarla da una tassazione esagerata, si è scontrata con una realtà che ha fatto l' esatto contrario, è aumentata, la spesa pubblica soprattutto a livello periferico, sono aumentati gli sprechi e la corruzione e la morte politica del Berlusconismo è proprio questa.  Forza Italia paga anche per aver sostenuto, di fatto le politiche draconiane di Monti e Letta che hanno sottratto dalle tasche dei cittadini 30 miliardi di euro in un solo anno.Trix 24168 stesso carrello scarico-SetTrumpeter 1/35 Br52 Kriegslocomotive Armato Vapore Loco #00210

Le forze che oggi sono passate nel Nuovo centro destra sono quelle che più hanno lavorato per aumentare la spesa pubblica e il conseguente prelievo fiscale, ma ora che se ne sono andate e gli elettori ne hanno recitato il de profundis, che senso ha richiamarle in vita? Non c'è l' urgenza di correre a nuove elezioni, i voti presi dal centro destra sono gli stessi di quando eravamo uniti, bisogna avere il coraggio di indagare più a fondo su quali sono le cause per cui il centro destra non è più in grado di raccogliere la maggioranza dei consensi nel Paese.

L' EFFETTO RENZI NON ESISTE.

Capisco che questa affermazione può sembrare, ad essere benevoli, contro corrente, ma se dicessi le cose che dicono tutti non avrebbe senso sprecare del tempo a leggermi.

Perchè l' effetto Renzi non esiste? Semplicemente perchè i voti, Forza Italia li ha persi quando c'era Bersani e Monti. Senza fare analisi sofisticate, che lasciano il tempo che trovano, i voti che FI ha preso nel 2014 sono quelli del 2013 meno i voti del NCD. Se si vuole analizzare perché FI ha perso voti bisogna andare a vedere prima del 2013 che cosa è successo: se nel 2008 il 68% dei lavoratori autonomi e degli imprenditori votava PDL  perché nel 2013 solo il 34,5% ha dato fiducia a Forza Italia? Perché il 52,8% degli operai nel 2008 ha votato PDL e perché nel 2013 solo il 25,8%. Qualcuno dirà che questa emorragia è dovuta alla presenza sulla scena politica di un nuovo soggetto, il movimento 5 stelle. Vero, ma il PD non ha avuto gli stessi danni dalla presenza di Grillo. Infatti, il voto degli impiegati, tecnici e funzionari, non si dimezza anche se scende dal 47 al 35%, così pure il voto degli imprenditori e lavoratori autonomi scende dal 23 al 16%. Ciononostante il PD si attesta nel 2013 intorno al 30% dei voti. Che cosa ha determinato l' incremento dal 30 al 40% dei consensi del PD? L' effetto Renzi? NO, la scomparsa di Monti e del suo gruppo che riversa interamente il suo 10% nel PD, semplicemente perché non c'è alcuna differenza fra la politica di Monti e quella del PD. Perché insisto nel dire questo? Perché se qualcuno spera che quando Renzi avrà esaurito la sua spinta propulsiva questi voti ritorneranno al centro destra si illude. Noi possiamo fare tutti i ragionamenti che vogliamo, ma dobbiamo evitare di prenderci per i fondelli e capire quali sono le ragioni per cui metà dell' elettorato ci ha abbandonato, evitando di praticare delle strade sbagliate nel tentativo di recuperare il nostro elettorato.

UNITI SI VINCE, DIVISI SI PERDE, MA NON E' SEMPRE COSI'.

Almeno non in questo caso. Noi possiamo andare davanti agli elettori uniti o divisi che non cambia assolutamente nulla. Andare uniti o divisi può facilitare la vittoria a seconda del tipo di legge elettorale in vigore, ma non aggiunge o toglie voti a nessuno. Lo dimostra l' esito di queste ultime elezioni, eravamo divisi ma abbiamo preso gli stessi voti di quando eravamo uniti.

ABBIAMO PERSO A CAUSA DELLE DIVISIONI INTERNE E PERCHE' NON ABBIAMO RINNOVATO LA CLASSE POLITICA?

Sarà anche per questo, ma nel 2009 gli attori della politica nazionale erano gli stessi di adesso, anzi, bisogna dire che Berlusconi ha sempre puntato sui giovani e sul rinnovamento, inserendo sempre facce nuove e dando spazio ai giovani, qualcuno l' ha dimenticato, ma nel primo congresso del PDL, Berlusconi ha preteso che le prime file fossero occupate dai giovani, nonostante il mugugno dei bioardi della politica. Renzi ha copiato Berlusconi, presentando facce nuove? Bene, ma non è per questo che ha vinto le elezioni.

RENZI HA COPIATO BERLUSCONI? SOLO NELLA FORMA, NON NELLA SOSTANZA.SUNSTAR 1:18 AMERICAN COLLECTIBLES - 1963 FORD FALCON HARD TOP BLUE SS4543Tamiya 1/32 Vought F4u-1 Corsair Cella / Gabbia Kit Modello Nuovo da Giappone

Molti sono convinti che il successo di Renzi dipenda dal fatto che abbia copiato in tutto e per tutto Berlusconi e quindi è riuscito a spostare a sinistra l' elettorato di centro destra. Come ho già dimostrato in precedenza l' elettorato di centro destra lo ha spostato a sinistra il sig. Monti già nel 2013, quando a sinistra c'era Bersani. Di solito si dice che in politica gli elettori scelgono sempre l' originale e non la copia e questo doveva accadere anche a Renzi. In realtà non è accaduto per il semplice fatto che Renzi ha copiato da Berlusconi il modo di fare propaganda politica, parlando direttamente agli elettori, scegliendo dei temi sensibili da proporre all' elettorato e su questi costruire la campagna elettorale, puntando all' immagine sua e della sua squadra.

CHE COSA E' ACCADUTO TRA IL 2009 E IL 2013 ?

Questo è l' arco temporale all' interno del quale abbiamo dimezzato i nostri consensi e se vogliamo capire effettivamente perché FI ha perso così tanti consensi sarebbe opportuno andare a vedere che cosa è accaduto in questa fase della vita politica nazionale.

EUROPEE 2009

Alle elezioni Europee del 2009 il PDL ottiene in Italia il 35% dei voti contro il 26 del PD. La Lega Nord contava nel Nord-ovest il 19,4% e nel nord-est il 24,3% dei voti, erano i tempi di Berlusconi contro Franceschini, era il tempo del giovane contro il vecchio? No era il tempo del saggio contro lo sciocco. Berlusconi stracciò ancora una volta il PD.

REGIONALI 2010

PDL e Lega trionfano in Piemonte, Lombardia, Veneto, Lazio, Campania e Calabria, nonostante la crisi economica, il Governo Berlusconi dà ancora la sensazione agli elettori di essere l' unico uomo politico in grado di traghettare il paese fuori dalla crisi economica.

POLITICHE 2013

Dopo un' assenza dalla scena politica e dai media di Silvio Berlusconi, le previsioni di voto vedono il PDL ai minimi storici i sondaggi danno il PDL al 13%. Questo è il risultato di un anno di abbandono del partito nelle mani di Alfano e della cricca degli ex democristiani e socialisti che già allora tramavano affinché Berlusconi lasciasse. Fu quello il periodo più nero del PDL che, non essendo né forza convinta di governo, né forza convinta di opposizione lasciò spazio all' avanzata politica del movimento 5 stelle, una forza di opposizione fortemente caratterizzata che tendeva a mettere fuori gioco un PDL ferito e privo di iniziativa politica, per proporsi come alternativa all' intero sistema politico dei partiti. Il sostegno al Governo Monti ha fatto perdere al PDL più della metà dei consensi, ottenendo un risultato lusinghiero del 21% dopo una campagna elettorale condotta da Berlusconi come solo lui sa fare, con grinta e determinazione. Il danno fatto da Monti al ceto medio è stato rilevante e l' elettore ha abbandonato il PDL perché in qualche modo ha consentito che questo massacro fosse compiuto. Non è possibile immaginare di recuperare in un mese di campagna elettorale il consenso perso in due anni di assenza. Intanto la Sinistra, caduto Berlusconi, ha avuto, con la nomina di una inutile Tarantola alla presidenza della Rai, la possibilità di occupare tutti i programmi televisivi della tv pubblica. T-Cab Scania Metal Animal Guard 1/14 Tamiya V6Terrace Dollhouse - Plan Toys Free Shipping!E' un martellamento continuo, senza sosta: si comincia con  "Che tempo che fa" di Fazio e Litizzetto, che occupano anche il festival di San Remo; la predicazione del verbo continua con Ballarò che martella in una sola direzione e ridicolizza tutti gli esponenti di centro destra che vengono invitati, interrompendoli abilmente quando stanno per rispondere alle domande poste, poi c'è Crozza, la Gruber, Bertolino, la Guzzanti. I TG di Rai 3 sono inguardabili per l' eccessiva faziosità con cui danno le notizie. Poi c'è Vauro, l' Annunziata, Santoro, la Gabanelli, insomma un esercito petulante che dilaga in tutto l' etere a sputare veleno addosso a Berlusconi e al Centro destra. Tutto questo non si può recuperare in un mese di campagna elettorale e infatti Berlusconi è riuscito a recuperare solo in parte. Non è facile tornare indietro e ripristinare la democrazia e la libertà di pensiero. Siamo in uno Stato Totalitario che ha preso il controllo dell' informazione e che utilizza la Magistratura come suo braccio armato.

BERSANI NON RIESCE A SMACCHIARE IL GIAGUARO E SI IMPANTANA NELLA PALUDE DI GRILLO.

Con una vittoria risicata, Bersani conquista la maggioranza alla camera e punta ad eliminare Berlusconi, aprendo le trattative con il M5 stelle. Dopo una ed estenuante trattativa, Bersani ne esce con le ossa rotte e non sa più come fare per uscire dal pantano in cui si è cacciato, è in crisi profonda e il PD è sull' orlo di una spaccatura.

BERLUSCONI PROPONE UNA RIAPPACIFICAZIONE NAZIONALE E, PURTROPPO  SALVA IL PD CONDANNANDO SE STESSO E PAGANDO UN CARO PREZZO.

Con Bersani ormai fuori gioco, Berlusconi escluso a priori da ogni possibile collaborazione, aveva buon gioco nell' attendere l' epilogo di una penosa esperienza che avrebbe penalizzato pesantemente il PD. Purtroppo sappiamo come è andata e il prezzo pagato dal Cavaliere è stato quello di essere condannato da una Corte di Cassazione costituita ad hoc, sulla menzogna della scadenza dei termini prescrittivi ed espulso dal Senato in violazione di ogni regola del diritto, delle consuetudini e della decenza.

LE RAGIONI PER CUI ABBIAMO RISCHIATO L'ESTINZIONE dal 2010 al 2013

L' 8 SETTEMBRE 2010 (UNA DATA STORICA PER LA DESTRA ITALIANA)

"ll presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha comunicato di aver lasciato il gruppo del Pdl al quale era ancora iscritto, per passare a quello da lui fondato di Futuro e libertà. Con lui, il gruppo a Montecitorio sale quindi a quota 34 deputati."tin toy Astronaut Osaka japanTOYOTA CELICA st205 GT RALLY boucles de Spa 1996 #3 verreydt Night Trofeu 1:43

OTTOBRE 2010 COMINCIA L' OFFENSIVA MEDIATICA DEL BUNGA BUNGA, BISOGNA DISTRUGGERE CON TUTTI I MEZZI L' IMMAGINE DI BERLUSCONI.

Bunga bunga, il mistero. La descrizione accurata delle feste che si sarebbero tenute ad Arcore, nella villa di Berlusconi, è su tutte le prime pagine dei giornali.

Berlusconi sotto attacco. A scagliarsi contro il premier, dopo le rivelazioni sulle feste piccanti di Arcore e lo scandalo della minorenne marocchina aiutata ad uscire dalla Questura di Milano con una telefonata da Palazzo Chigi. Secondo Famiglia Cristiana, si legge in un commento pubblicato sul sito del settimanale, è "incredibile che un uomo di simile livello non abbia il necessario autocontrollo. E che il suo entourage stia a guardare". La testata parla della vicenda "feste" come di un'ultima "bufera". E sulla reazione da avere alle vicende raccontate, "ne manca una che faticheremmo a definire, qualcosa che sta fra la tristezza civile e la pietà umana" scrive il periodico delle edizioni San Paolo.

Anche Benedetto XVI è intervenuto riguardo alla vicenda di Ruby. Durante l'udienza che in giornata ha tenuto per i dirigenti e il personale della Questura di Roma, il Papa non ha potuto non accennare alla storia che coinvolge Ruby e il premier Berlusconi, sottolineando come le istituzioni, e la società in generale, debbano ritrovare la moralità. Intanto la Cei  dichiara che si occuperà della vicenda durante il consiglio che si terrà lunedì ad Ancona, mentre Famiglia Cristiana ha nuovamente attaccato Silvio Berlusconi sottolineando che mai nella storia della Repubblica un premier si era permesso di dividere i cattolici per quanto riguarda la politica.

DICEMBRE 2010 SI VOTA LA FIDUCIA AL GOVERNO BERLUSCONI

Per tre voti di scarto Silvio Berlusconi incassa la fiducia anche alla Camera dei Deputati. Una maggioranza risicatissima, che non garantirà governabilità e che spingerà a un rimpasto dell'esecutivo, ma lo scontro con il nemico Gianfranco Fini è stato vinto dal premier proprio grazie alle finiane Polidori e Siliquini che hanno votato no alla mozione di sfiducia sostenuta da Futuro e Libertà. Alla fine il risultato è 314 a 311, con due astenuti. Dopo la fiducia alla Camera, il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha incontrato a palazzo Chigi il leader della Lega Nord, Umberto Bossi, e il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti che non era presente al voto.

ANNO 2011 (ANNUS HORRIBILIS)

LA SINISTRA DI FRONTE AD UN CENTRO DESTRA SPACCATO E DEBOLE RINCARA LA DOSE: SE NON ORA QUANDO MANIFESTAZIONE DEL 14 FEBBRAIO 2011

Domina piazza del Popolo un grande striscione firmato dalle Donne del Sud: "non chiamatemi escort, sono una puttana. Non chiamatemi puttana, sono una schiava". E proprio sotto lo striscione si sono alternate iniziative, la piu' partecipata delle quali è stato un coro gospel.

A Roma un minuto e mezzo di silenzio irreale, 90 secondi di silenzio. 90 come la paura del silenzio collettivo. Poi la voce, adesso, per ricominciare a contare, non più alla rovescia. Poi uno striscione, immenso, è calato dal Pincio con la scritta "Vogliamo un Paese che rispetti le donne".Transformers Legend LG-53 Broadside "Triple Changer"Trix 12329 Elektrolok es 64 P Dispolok

SCOPPIA UNA CRISI MONDIALE DOVUTA ALL' AUMENTO DEI GENERI ALIMENTARI.

L'aumento dei prezzi alimentari. Il 6 gennaio 2011 dopo il balzo del petrolio, che viaggiava spedito verso i 100 dollari al barile, arriva l'allarme prezzi dei prodotti alimentari che a dicembre 2010, secondo la Fao, hanno toccato il record a livello globale, sorpassando i picchi raggiunti durante la crisi del 2008. Un'accoppiata di rialzi davvero diabolica che fa deragliare la fragile ripresa economica in atto e fa da detonatore alle proteste sociali nei paesi arabi. Abdolreza Abbassian, capo economista alla Fao, lancia l'allarme. L'Italia non cresce da dieci anni, ma il paese diventa un luogo di conquiste economiche dei francesi nei settori del lusso, bancario, trasporti, alimentare ed energia. Gli Usa perdono la tripla A. Una mossa molto controversa è stata quella operata a freddo contro gli Stati Uniti, quando il 5 agosto S&P's ha declassato il debito statunitense dalla tripla A a AA+. Le società di rating, a loro volta vengono accusate di essere incapaci di avvertire per tempo i disastri globali legati alla bolla immobiliare Usa, dando voti di tutto rispetto ai famosi pacchetti finanziari in cui erano insaccati i mutui subprime e derivati vari, ma anche alla banca d'investimento Lehman Brothers, al top dei voti fino a poco prima che fallisse clamorosamente domenica 15 settembre 2008. Tutti infortuni che hanno contribuito a innescare, invece di evitare, la grande recessione del 2008 che è costata finora ben 7.700 miliardi di dollari di finanziamenti della Federal Reserve allo 0,1% di interesse alle grandi banche americane, secondo quanto ricostruito da Bloomberg. La cifra di 7.700 miliardi di dollari a favore di Wall Street, pari alla metà del Pil americano che viaggia attorno ai 14mila miliardi di dollari, è ben 10 volte il cosidetto TARP, il fondo di salvataggio per le banche varato nel 2008 dal governo Bush e poi amministrato dal ministro del Tesoro democratico di Barack Obama, Timothy Geithner. Soldi che hanno mascherato in realtà un salvataggio alla greca, ma molto più costoso, a carico degli ignari contribuenti americani e hanno procurato agli istituti di credito americani plusvalenze extra per 13 miliardi di dollari.

GLI STATI EUROPEI PIU' INDEBITATI A RISCHIO DEFAULT.

Quanto è costato  salvare la Grecia?  Il 26 ottobre 2011 al secondo summit dei capi di stato e di governo della Ue a Bruxelles si decide di salvare la Grecia. Il costo dell'operazione è di 340 miliardi di euro: ai 110 miliardi Ue-Fmi decisi nel maggio 2010, si aggiungono i 130 miliardi di euro di ulteriori aiuti decisi nel corso del summit e i 100 miliardi di euro che le maggiori banche private dell'IIF perderanno se l'accordo andrà in porto a marzo 2012 con l'haircut del 50% dei bond ellenici per un totale complessivo di aiuti pubblici e privati di 340 miliardi di euro. Poi il premier greco George Papandreou corre a casa e indice un referendum popolare sull'accordo appena sottoscritto. Il premier ellenico viene rapidamente convocato a Cannes al vertice del G20 dove gli viene intimato dal cancelliere tedesco Angela Merkel e dal presidente francese Nicolas Sarkozy di ritirare il referendum o l'ipotesi dell'uscita dall'euro non sarà più un tabù. Papandreou fa marcia indietro, ritira la consultazione popolare e si dimette. Al suo posto arriva Lucas Papademos, ex banchiere centrale della Bce che guida un governo di coalizione per salvare la Grecia dal baratro del default. Stessa sorte tocca all'Italia con un governo di coalizione guidato da un tecnico di fama, l'ex commissario europeo alla concorrenza, Mario Monti.

ESTATE 2011, GRILLO SCRIVE A NAPOLITANO: DEVI SOSTITUIRE BERLUSCONI.Trofeu 1904 PORSCHE 936/76 MARTINI 24H LE MANS Trofeu NUOVOTUNING CARBURATORE Walbro WT 668 Zenoah CY FG HPI Carbon Fighter LOSI Amewi

Spettabile presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, quasi tutto ci divide, tranne il fatto di essere italiani e la preoccupazione per il futuro della nostra Nazione. L'Italia è vicina al default, i titoli di Stato, l'ossigeno (meglio sarebbe dire l'anidride carbonica) che mantiene in vita la nostra economia, che permette di pagare pensioni e stipendi pubblici e di garantire i servizi essenziali, richiedono un interesse sempre più alto per essere venduti sui mercati. Interesse che non saremo in grado di pagare senza aumentare le tasse, già molto elevate, tagliare la spesa sociale falcidiata da anni e avviare nuove privatizzazioni. Un'impresa impossibile senza una rivolta sociale. La Deutsche Bank ha venduto nel 2011 sette miliardi di euro dei nostri titoli».

«È più di un segnale: è una campana a martello che ha risvegliato persino Romano Prodi dal suo torpore. Il Governo è squalificato, ha perso ogni credibilità internazionale, non è in grado di affrontare la crisi che ha prima creato e poi negato fino alla prova dell'evidenza. Le banche italiane sono a rischio, hanno 200 miliardi di euro di titoli pubblici e 85 miliardi di sofferenze, spesso crediti inesigibili. Non sono più in grado di salvare il Tesoro con l'acquisto di altri miliardi di titoli, a iniziare dalla prossima asta di fine agosto. Ora devono pensare a salvare sé stesse».

«In questa situazione lei non può restare inerte. Lei ha il diritto-dovere di nominare un nuovo presidente del Consiglio al posto di quello attuale. Una figura di profilo istituzionale, non legata ai partiti, con un l'unico mandato di evitare la catastrofe economica e di incidere sulla carne viva degli sprechi». NAPOLITANO OBBEDISCE.

NOVEMBRE 2011 BERLUSCONI SI DIMETTE

I due governi tecnici in Grecia e in Italia hanno rappresentato la sospensione della democrazia perché bisognava evitare di far deragliare i conti pubblici. Sulla linea del rigore dei conti pubblici si crea una convergenza fra il PD e i moderati di Monti, una convergenza che costerà cara a Monti che vedrà il suo elettorato transiterà direttamente nelle casse del PD. Una convergenza timidamente condivisa dal PDL che da quel momento cessa di essere il punto di riferimento di un ceto medio che teme di perdere tutto in un tracollo finanziario dell' Italia. E' questo il momento tragico del PDL che non riesce a trovare una linea politica unitaria al suo interno: da una parte "i governativi", cioè i ministri e sottosegretari impegnati nel governo, fortemente allineati sulle posizioni di Monti e del PD, dall' altra i Berlusconiani d' hoc che mostravano la propria contrarietà a leggi che andavano contro gli interessi del proprio elettorato, quali la legge Fornero, l' aumento dell' Iva e l' applicazione dell' IMU con rivalutazione al 60% della base imponibile. Questa politica ambivalente è costata moltissimo in termini elettorali al PDL.

Il 21 dicembre, dopo le dimissioni di  Berlusconi, guarda caso,  arriva l'asta straordinaria della Bce a tre anni che inonda il sistema bancario europeo con ben 489 miliardi di euro di liquidità supplementare che copre il 44% del total funding 2012 delle banche italiane, secondo la stima di Intermonte. Nella sua morning note, diffusa dall'agenzia Reuters, Intermonte stima anche che il finanziamento netto per le banche italiane sia stato di 50 miliardi. La stessa stima di un finanziamento netto attorno ai 50 miliardi viene riportata in un report di Merrill Lynch secondo cui i fondi della Bce potrebbero contare per il 5% dei total asset delle banche italiane da 1,3% stimato nel 2010. Il 21 dicembre il sistema bancario italiano sottoscrive così al p/t a tre anni della Bce 116 miliardi di euro. Per aggiudicarsi la significativa quota del 23,7% del totale dei fondi è stato decisivo l'apporto, per 40,4 miliardi, dei bond garantiti dallo Stato che 14 banche hanno attivato in tempi strettissimi con il supporto di Tesoro e Bankitalia. Le banche anziché dare ossigeno al sistema produttivo italiano comprano obbligazioni sovrane e vincono facile con un comodo carry trade.Table d'éveil Youpi Baby bleuTamiya Modellino Plastica 1/12 N.7 Yamaha YZR-M1 '04 Finito Modello Giappone

UNA SERIE INTERMINABILE DI SCANDALI INVESTE IL MONDO DELLA POLITICA E RIDUCE A ZERO LA CREDIBILITA' DELLA CLASSE POLITICA.

REGIONE LOMBARDIA: ARRESTO DI ZAMBETTI E NICOLI CRISTIANI, SOTTO INCHIESTA, FORMIGONI, E QUASI TUTTO IL GRUPPO CONSILIARE DEL PDL PER L' USO ALLEGRO DEI FONDI REGIONALI. REGIONE LAZIO: FIORITO, UN' IMMAGINE DI UNA CLASSE POLITICA SPRECONA E GODERECCIA LONTANA DAI PROBLEMI DEGLI ITALIANI. REGIONE LOMBARDIA E REGIONE LAZIO SONO COSTRETTE ALLE DIMISSIONI.

LA CRISI PROFONDA DELLA LEGA TRAVOLTA DALLE VICENDE GIUDIZIARIE DELLA FAMIGLIA BOSSI, RISCHIA DI USCIRE DALLA SCENA POLITICA.

La Procura di Milano ha chiuso le indagini relative all'inchiesta "The family" in vista del prossimo passo: la richiesta di rinvio a giudizio per dieci persone, tra cui Umberto Bossi e i suoi due figli Riccardo e Renzo. Al centro, la gestione dei fondi della Lega, caso scoppiato nella primavera del 2012. Tra gli indagati, anche l'ex vicepresidente del Senato Rosi Mauro, l'ex tesoriere della Lega Francesco Belsito e l'imprenditore veneto Stefano Bonet, l'uomo degli investimenti in Tanzania con i soldi del partito.

Tutto questo ha portato ad una disaffezione degli elettori dalla politica, che ha fatto crescere sempre più quel sentimento di odio e di disprezzo nei confronti della classe politica favorendo il movimento 5 stelle che, in assenza di un progetto politico, si propone di conquistare la fiducia degli elettori, proponendo l' azzeramento dei partiti e il sistema di potere che dal dopo guerra ad oggi ha rappresentato il sistema democratico in Italia.Teddy Hermann 149545 ORSETTO fredl 53 cmTillig 501180 TT 1:120 Sliding Wall Boxcar or Wagen of DBAG Ep.VI; price is each

Il prezzo pagato dalla lega è altissimo, perché si è rotto quel legame forte tra partito ed elettori basato su una fiducia totale nella classe dirigente che veniva idolatrata e mitizzata.

LE ELEZIONI EUROPEE, NELLA SOSTANZA, CONSOLIDANO LE POSIZIONI DEL 2013.

Forza Italia più il NCD ottengono più o meni gli stessi voti del 2012, confermando la perdita di quel ceto medio che transitato da Monti si colloca in modo definitivo nel PD, incrementandone i consensi dal 30 al 40%, qualche cosa ha ceduto anche Grillo che ha capito di aver spaventato gli elettori e oggi corre ai ripari.

L' INIZIATIVA POLITICA DI GRILLO HA COME OBIETTIVO MARGINALIZZARE  IL CENTRO DESTRA PER METTERLO FUORI GIOCO.

A far cambiare idea a Grillo, che finora aveva rifiutato il dialogo con il premier-segretario Pd, è stato il successo democratico sancito dalle elezioni europee e amministrative: "Renzi è stato legittimato da un voto popolare e non a maggioranza dai soli voti della direzione del Pd. Quindi qualcosa, anzi molto, è cambiato".

Con questa mossa Grillo si propone come partito di opposizione dialogante per rendere inutile la presenza politica di Forza Italia che è impegnata in un vuoto tentativo di recuperare il Nuovo Centro Destra, naufragato nelle sue contraddizioni e che rischia di attrarre nel suo naufragio anche Forza Italia.Top Tuning Carrera Digital 132 - Audi A4 DTM " T.Scheider " N 1 ComeTraccia Lgb G 4059 piatto carrello con 2 MERCEDES BENZ auto carrello trasporto OVP (js6202)

COSA DEVE FARE FORZA ITALIA PER RIPRENDERE NEL PAESE IL RUOLO CHE GLI SPETTA?

Questo tema esula dall' analisi del voto e sarà oggetto di un successivo documento che avrà per tema: SENZA IL BERLUSCONISMO L' ITALIA E' DESTINATA AL DECLINO.

Prof. Scalese AngeloTraxxas Vástago de Eje Frente HD (Izquierdo)/ Portal Drive Entrada Gear Trx-4Trix h0 23950 DB carro Caldaia Set rheinpreussen _ MATTONCINI

Portavoce dei Club di Forza Italia

Cologno Monzese.

T-Rex 550e Sac de Transport (Noir)

Si riportano di seguito alcuni stralci dell’ intervento in aula del Consigliere M5* , Carcano, per evidenziare le inesattezze e le informazioni distorte che vengono date ai cittadini.
…auspica che quell'azione volta al
cambiamento, di cui parla il Presidente Maroni, sia intrapresa innanzitutto dicendo la verità ai cittadini lombardi che, da 20 anni hanno assistito ad un peggioramento delle condizioni di vita, lavorative, ambientali, di convivenza sociale, di legalità, di giustizia. Di sfregio alla morale.
Falso. Le condizioni di vita dei Lombardi di 20 anni fa erano di gran lunga peggiori di quelle attuali, sia dal punto di vista della ricchezza pro capite, sia per la qualità dei servizi (basta confrontare i servizi sanitari di 20 anni fa),

Traxxas 5487 Resonator Double-chamber R.O.A.R. Aluminum Tuned Pipe: T-maxx 3.3 Trix 22653 E-Lok BR185.2, Captrain, Ep.vi , Sound Scala H0TRIANG HORNBY R.855N LNER FLYING SCOTSMAN WITH STEAM EXHAUST NOISE BOXEDTriang Minic 588ms Vauxhall Cabriolet, Originale

Tutti si stupiscono del fatto che quando Berlusconi viene attaccato sul piano personale e, in particolare, sulla questione giustizia, le simpatie e i consensi nei suoi confronti aumentano.La sinistra e meno di tutti Di Pietro, non riesce a comprenderne il meccanismo.Come è possibile che gli Italiani siano a favore dell’ impunità?Dovrebbero scendere tutti in piazza a gridare che la legge è uguale per tutti!Ma questo non accade, anzi, le simpatie nei confronti di Berlusconi aumentano.

Leggi tutto: Lasciamo fare a Di Pietro

Parafrasando Heidegger, è importante che il nostro partito comprenda chi è per esserci, qual è il suo senso dell’esserci “l’essere qui, ora” in politica, per evitare di non esserci più, in una fase della vita politica italiana in cui cambiano: leggi elettorali, repubbliche e partiti. A nessuno sfugge che, se i partiti non riescono a trovare un accordo per modificare la legge elettorale e si va al referendum, con l’8% di soglia di sbarramento al Senato, il nostro partito potrebbe avere qualche difficoltà a sopravvivere. E’ utile quindi guardarci dentro per capire chi siamo, perché ci siamo e per fare che cosa.

La definizione maggiormente condivisa dal popolo UDC è che siamo:

Tillig/Sachsenmodelle 73791 dB bastone doppio carrello, 1./2. KL. DABz 755, Nuovo, Confezione Originale TRIANG RAILWAYS TRAIN SET RS.Trident Miniatures 87154 HO ASLAV PC Armored Personnel Carrier

TRIPLE 9 T9-1800120 OPEL KADETT C2 2 DOOR 1977 WHITE 1:18 MODELLINO DIE CAST com

Categoria: Triang/Hornby OO BR M7 Class 0-4-4 Tank Loco 30027 R754
Pubblicato Lunedì, Triumph TR3 S #25 Jopp-Stoop "Le Mans" 1959 (Spark 1:43 / S1395)
Scritto da Super User
Visite: 2038
Le recenti elezioni amministrative, hanno dimostrato, ancora una volta, che il nostro partito è stato punito dai cittadini soprattutto in quei comuni in cui non è presente territorialmente o nei luoghi in cui, pur essendo presente, la proposta politica è inadeguata alle aspettative degli elettori. Non riteniamo giusto attribuire alla politica nazionale del partito la responsabilità dell’1,092% di Sesto San Giovanni quando la Democrazia Cristiana, schierata a sinistra prende il 2,2%, come non possiamo lamentare di non aver preso voti in quei comuni, come Melegnano e Garbagnate dove non abbiamo nemmeno presentato la lista. Nei comuni di Maniago e Pieve Emanuele l’UDC è stata premiata con 8,7 e il 7,5% perché la presenza sul territorio non è stata improvvisata e gli amici che si sono presentati si sono resi interpreti dei bisogni reali dei cittadini.
Trix 11632 Confezione Treni Bay.güterzug Ep.i Dc-Sx-Digit Scala N
Trix 15650, Rungenwagen con carico legno, DB AG, NUOVO E OVP, N
Back To Top
Traccia h0-DIESEL EMD gp20 Norfolk Southern -- 48564 NUOVOTraxxas QR-1 3.7v CW Motor Dual Charger w/ Propellers P19CTrix 23499 | 3 diversi vagoni eilzug DB EP IV traccia h0Trix 2431 DB ELLOK 175 052-0 epoca IV traccia h0-SCATOLA ORIGINALE